Ballardini: “Due chiamate dal Genoa, alla terza ho detto sì. Ho una voglia matta”

La vittoria nel derby sotto la lente di ingrandimento del tecnico del Grifone

di Redazione ITASportPress

‘);
var parserUA = new UAParser();
var resultUA = parserUA.getResult();
var device = resultUA.device.type;
}

Comincia con una vittoria la quarta avventura sulla panchina del Genoa di Davide Ballardini. Il tecnico rossoblù analizza il successo contro lo Spezia ai microfoni di Sky: “Non ho la bacchetta magica. E’ stata una bella vittoria con una buona prestazione. Bisogna migliorare tanto nella fase di costruzione e nelle chiusure perché arrivavamo tardi. Lo Spezia ha idee chiare e noi avremmo dovuto essere più bravi nella gestione della gara. Avevamo cinque trentenni e altri cinque molto giovani. Mi sembravano quelli pronti per giocare. Mi aspettavo la richiamata perché il Genoa mi aveva contattato altre due volte. La squadra non andava bene e ci poteva stare che mi chiedesse di tornare. Questa volta ho detto sì perché è la voglia matta. Era da tanto tempo che ero fermo e la voglia matta di tornare in campo mi ha preso. Non vedevo l’ora di riprendere ad allenare. La squadra ha bisogno di essere corretta. Io sono per un calcio propositivo. Voglio che si sappia gestire la palla, giocando un calcio profondo. Voglio una squadra aggressiva e compatta. Sono tante le cose da migliorare. Vedere un’attenzione e un’umiltà come stasera fa ben sperare”.

Destro
Destro (getty images)