Brehme, gaffe social: scambia l'Ascoli…per la Juventus!

La nostalgia dell’Italia e del nostro calcio, si sa, è sempre molta. Parecchi dei calciatori che sono venuti nel Belpaese per giocare a pallone si sono fermati qui a vivere anche una volta che hanno appeso gli scarpini al chiodo, ma anche chi è tornato in patria o si è trasferito altrove guarda sempre allo Stivale con occhi pieni d’amore. Tra i grandi stranieri che hanno fatto la storia del nostro campionato c’è sicuramente Andreas Brehme. Il tedesco è stato uno degli alfieri dell’Inter dei record di Trapattoni, oltre ad aver vinto il mondiale a Roma nel 1990. Dunque normale che gli manchi la Serie A.

ASCOLI – Al punto che l’ex terzino nerazzurro spiega su Instagram che gli mancano le partite…contro l’Ascoli, postando la foto di una sua azione contro la squadra bianconera. Verrebbe da chiedersi il perchè di una scelta così curiosa da parte del tedesco, che nel corso dei suoi anni in Italia ha affrontato il Milan degli olandesi, il Napoli di Maradona e la Sampdoria di Vialli e Mancini, ma quando pensa al nostro campionato si ricorda addirittura Walter Casagrande e compagni. Ma c’è un ottimo motivo dietro una pubblicazione così particolare: il post è stato modificato perchè il campione del mondo ha…sbagliato squadra.

JUVENTUS – E dai commenti dei suoi fan, è anche semplice capire con chi si è confuso il tedesco: Brehme, vedendo bianconero, ha dato per scontato che la foto fosse risalente a un match contro la Juventus. Sotto al post però gliel’hanno fatto notare (con parecchia simpatia) e immediatamente l’ex laterale nerazzurro ha corretto il tiro. Ma non ha cancellato, sostituendo l’immagine con una di una partita contro la Signora, bensì ha semplicemente modificato la didascalia, rendendo così le partite con l’Ascoli tanto importanti quanto quelle contro i rivali di sempre dell’Inter. Una scenetta social che ha causato l’ilarità dei tifosi nerazzurri, ma anche dello stesso Brehme, che ha risposto ai suoi fan con occhiolini ed emoticon sorridenti. In fondo, pur sempre di avversari bianconeri si trattava. E nel calcio i colori…contano.