Cagliari, Di Francesco: “Mi contestavano di essere zemaniano, ora…”

Il mister alla vigilia di campionato

di Redazione ITASportPress

Di Francesco, getty images

‘);
var parserUA = new UAParser();
var resultUA = parserUA.getResult();
var device = resultUA.device.type;
}

Vigilia di campionato per il Cagliari di Eusebio Di Francesco che domani sfiderà il Crotone nel lunch match della 5^ giornata di Serie A. Il mister dei sardi ha presentato la gara contro i calabresi ai media.

Cagliari-Crotone, parla Di Francesco

Di Francesco, getty images

Sul momento del mondo, non solo del calcio: “Coronavirus? Siamo preoccupati per tanti motivi, bisogna essere molto attenti e avere anche un pizzico di fortuna per evitare di portare in casa situazioni davvero complicate. Sicuramente questo può condizionare sia il lavoro settimanale che nella partita, ma dobbiamo essere bravi ad adeguarci alle indicazioni che ci vengono date dagli esperti”, ha detto Di Francesco.

Sulla squadra che scenderà in campo contro il Crotone: “Squadra che vince non si cambia? Non so. Devo ancora decidere a livello dell’undici titolare. Prima mi contestavano il fatto di voler fare sempre un gol più degli altri, di essere troppo zemaniano, ma vedo che ora va molto di moda (ride ndr). Quando sono arrivato in Europa con il Sassuolo siamo stati una delle migliori difese: deve tornare il valore della difesa italiana. Soprattutto dobbiamo essere più specifici nell’analisi, anche noi allenatori, a prescindere dai gol fatti o subiti”. E a proposito di difesa: “Godin? Anche oggi si è allenato con continuità, oggi mi ha dato risposte positive ma domani decideremo insieme per il suo impiego. Le grandi prestazioni nascono da una grande fase difensiva: dobbiamo migliorare ma sono contento di quello che fanno i ragazzi. Dobbiamo abbassare il livello di gol presi, peccato non aver avuto Diego in alcuni allenamenti”.