Cicinho: “Heinze è matto, diceva che Totti non doveva essere capitano! E poi…”

Il brasiliano sull’ex compagno di squadra ai tempi della Roma e non solo

di Redazione ITASportPress

Ci ha abituati a racconti anche molto personali riguardo alle sue debolezze passate, Cicinho è tornato a parlare di alcuni momenti specifici della sua carriera ed in particolare di un periodo nel quale alla Roma, qualcuno non voleva Francesco Totti capitano. L’ex esterno anche del Real Madrid, intervistato da ArenaSBT, ha puntato il dito contro Heinze.

Cicinho: “Heinze non voleva Totti capitano e alla fine non gioco…”

Heinze (Getty Images)

“Heinze è matto. A Roma, dopo un mese, diceva che Totti non doveva essere capitano. E dopo che lo ha detto ha giocato solo due volte”, ha ammesso Cicinho. “A Roma non potevi parlare così di Totti. A Roma non era ben visto né dagli italiani né dai brasiliani e qualche argentino”.

E ancora sul carattere del difensore argentino: “Se viene al Palmeiras dopo poco tempo litigherà con Felipe Melo, ve lo dico subito. Osvaldo aveva qualche remora nei suoi confronti. Non so come allenatore come potrebbe essere”.