Coronavirus, Vlahovic racconta la paura: “Ma ora sfido tutti”

Dal Coronavirus a Commisso, passando per la concorrenza con Cutrone e l’ammirazione per Ibrahimovic: a tutto Vlahovic

‘);
var parserUA = new UAParser();
var resultUA = parserUA.getResult();
var device = resultUA.device.type;
}

L’attaccante della Fiorentina, Dusan Vlahovic, è stato intervistato da Tuttomercatoweb.com:

Il Coronavirus? Non nego di aver avuto paura, ma oggi sono decisamente più sereno. Ho avuto la febbre molto alta, anche se per fortuna è durata poco. Non nego di aver avuto un po’ di apprensione, ma dopo aver fatto il tampone e aver scoperto di essere negativo, oggi sono sicuramente più sereno.

Commisso? Rocco e la sua famiglia, prima di tutto, hanno mostrato sin da subito di essere persone straordinarie, un’ulteriore prova ne è anche l’iniziativa “Forza e Cuore” per raccogliere fondi per gli ospedali di Firenze. Ci hanno dimostrato un affetto e una vicinanza incredibili, anche in questi giorni in cui le cose sono molto complicate per tutti. Sono sicuro che il sogno di Rocco sia di vincere qualcosa di importante e di riportare la Fiorentina in alto, posso assicurare che per tutti noi è lo stesso, e che sono pronto a dare il massimo per questa società e per il nostro presidente e i nostri tifosi. Firenze è la mia seconda casa.

Cutrone? Con Patrick ho un bellissimo rapporto e possiamo anche giocare assieme, come è già accaduto in diverse partite quest’anno. Se la Fiorentina volesse comprare anche altri giocatori che possono essere utili a migliorare la squadra ne saremmo tutti contenti. Ma sono pronto per sfidare chiunque.

Giocare insieme con Ibrahimovic? Ibrahimovic è il mio idolo da sempre. Giocare contro di lui è stata un’emozione straordinaria. Sarà difficile riuscire a giocarci al suo fino a quando avrò la maglia viola e qui mi sento a casa, a meno che lui decida di unirsi alla famiglia viola.

Fiorentina, la salvezza sotto al sole. Il calendario viola non ammetterà errori