Da Sacchi a Sarri: ma chi l'ha detto che per allenare bene bisogna aver giocato?

Quando la gavetta paga. Sarri non è stato calciatore, ma è a un passo dal vincere lo scudetto con la Juventus. Ed è la perfetta dimostrazione che per essere grandi allenatori non bisogna per forza essere stati calciatori a livello professionistico. Altri colleghi…confermano!

di Portale Del Caclio

‘);
var parserUA = new UAParser();
var resultUA = parserUA.getResult();
var device = resultUA.device.type;
}

E adesso chiamatelo “dilettante”, “teorico” o “bancario”:  la gavetta paga. Sarri non è stato calciatore, ma è a un passo dal vincere lo scudetto con la Juventus.. E così il tecnico toscano può coronare la sua carriera. Dopo avere cancellato lo “0” dalla casella dei trofei vinti grazie al Chelsea, l’allenatore toscano si è lanciato nella sua più grande sfida a livello professionale: vincere e divertire con la Juventus. Risultato ottenuto in parte, ma la parabola di Sarri è comunque la perfetta dimostrazione che per essere grandi allenatori non bisogna per forza essere stati calciatori a livello professionistico. E le storie di altri illustri colleghi…confermano la tesi.