Delvecchio di testa… Gol! Oggi 25 anni fa, la prima Inter di Moratti qualificata in Uefa all'ultimo secondo

Una prima immagine, un primo frame, potrebbe essere questo: Massimo Moratti che esulta come un pazzo dopo la conquista della qualificazione in Coppa UEFA della sua prima Inter. Giusto per capire da dove si partì. La base di partenza era un’Inter che l’anno prima aveva rischiato la retrocessione – ma vinto la Coppa UEFA – e che ora si ritrovava a esultare per un sesto posto garantito all’ultimo minuto. Si trattò pur sempre di un primo traguardo sportivo per la presidenza Moratti, che il 18 febbraio 1995 aveva acquistato la società: “I ragazzi hanno già fatto molto a risalire la china della classifica – dichiarerà il presidente in tribuna – L’UEFA, molto sinceramente, era quasi una cosa in più, però l’abbiamo raggiunta e sono felice. Ringrazio i tifosi, oggi sono stati fantastici. Spero di regalare qualche cosa di più per il futuro”. Spoiler: ci sarebbe poi riuscito.

Ma quel 4 giugno 1995, un quarto di secolo fa, la qualificazione in Coppa UEFA valeva quasi un Triplete. E l’avversario di turno a San Siro era un Padova collaudatamente guidato dalla gestione Sandreani, in quel momento in piena lotta per la salvezza. I biancoscudati riescono a mettere alle corde i nerazzurri nei primi minuti di gara, passando addirittura in vantaggio, al 20esimo minuto, con Maniero. I nerazzurri, che almeno nel primo tempo devono fare i conti con un Bonaiuti – portiere del Padova – in giornata di grazia, troveranno poi il pareggio nella seconda frazione grazie proprio a un Bonaiuti non impeccabile su una conclusione di Orlandini. E’ il 65esimo minuto, risultato di 1-1. A risolvere la questione – dopo qualche rischio dovuto a un incrocio dei pali colpito dal Padova e un buon intervento di Pagliuca – sarà Marco Delvecchio, con un guizzo su calcio d’angolo, anticipando tutti. Palla in fondo al sacco, 2-1. E Inter in Coppa UEFA.