Furti, risse e pipì in campo: le mille storie di Jens Lehmann

Fiorentina e Milan si incontrano e la memoria riporta subito alla sfida del 1998. Protagonista, in negativo, Jens Lehmann. Si sa, i portieri sono tutti un po’ strani ma l’ex milanista è un capitolo a parte: dalle risse in campo, alle scarpe lanciate sulla traversa, sino alla pipì in una notte di Champions.

di Portale Del Caclio

‘);
var parserUA = new UAParser();
var resultUA = parserUA.getResult();
var device = resultUA.device.type;
}

jens-lehmann-cropped_tw1r8qoyns0v1gusk2bb8vhlz

Fiorentina e Milan si incontrano e la memoria riporta subito a una sfida storica, quella del 1998. Protagonista, in negativo, Jens Lehmann. L’estremo difensore tedesco sbaglia tutto il possibile e si brucia la carriera in rossonero. Innegabile però che sia comunque un personaggio particolare. I portieri, si sa, sono un po’ matti. Lui, però, li batte quasi tutti. Pochi calciatori hanno un curriculum così…variopinto. Risse in campo, prodezze e papere, sino alla storica pipì in campo. Ambasciatore per gli aiuti umanitari per combattere la fame del mondo, pittore, ma anche attore. Lehmann ha vissuto a pieno la sua vita dentro e fuori dal campo. Non a caso, cimentandosi anche da scrittore, ha completato la propria autobiografia. Der wahnsinn liegt auf dem platz. La follia scende in campo. Appunto…