Geni, flop, maghi e incompresi: i classe '90 in Serie A, come sono andati?

Trent’anni, molti dei quali sotto i riflettori ma anche…in infermeria. Ragazzo di straordinarie qualità, Douglas Costa ha mantenuto solo in parte le promesse. Ma oltre alla sua, la leva calcistica del 1990 nel nostro campionato ha diverse storie da raccontare, tra esplosioni mai arrivate e bacheche piene…

di Portale Del Caclio

‘);
var parserUA = new UAParser();
var resultUA = parserUA.getResult();
var device = resultUA.device.type;
}

(Photo by Daniele Badolato – Juventus FC/Juventus FC via Getty Images)

Trent’anni, molti dei quali sotto i riflettori ma anche…in infermeria. Ragazzo di straordinarie qualità, Douglas Costa ha mantenuto solo in parte le promesse. Di certo ha una peculiarità. Ha vinto campionati ovunque. Anche perchè ha un discreto senso pratico nella scelta. Shakhtar, Bayern e Juve. Ci si deve impegnare, per non sollevare trofei a livello nazionale. Il problema è uscire dallo “steccato” in tutti i sensi. Brillante, ma discontinuo, mai protagonista sino in fondo nei successi sebbene elemento importante. Sì, ma le aspettative erano più elevate. E oltre a quella del brasiliano, la leva calcistica del 1990 nel nostro campionato ha diverse storie da raccontare, tra esplosioni mai arrivate e bacheche piene…