Il cuore d'oro di CR7 e Georgina: pagano le cure al bambino malato

Ronaldo esulta diopo il gol dell’1-0

TORINO- Vigilia di Coppa Italia per la Juventus, che domani sera all’”Allianz Stadium” ospiterà l’Inter nel ritorno delle semifinali. I bianconeri sono forti del risultato dell’andata, un 2-1 firmato dalla doppietta di Cristiano Ronaldo, capace di ribaltare l’iniziale vantaggio dei padroni di casa firmato da Lautaro Martinez. Anche domani, Andrea Pirlo punterà con decisione sul talento del suo numero 7 per conquistare il pass verso quella che sarebbe la seconda finale consecutiva nella competizione.

Dopo un gennaio difficile, trascorso al di sotto dei suoi standard, il fenomeno bianconero è ripartito alla grande. In questo mese di febbraio, oltre alla già citata doppietta inflitta ai ragazzi di Antonio Conte, Cr7 ha messo la firma anche sul primo dei due gol rifilati alla Roma, che sono valsi il sorpasso in classifica proprio ai danni della squadra di Paulo Fonseca. Cristiano che si conferma quindi un fuoriclasse sul terreno di gioco, ma non solo.

L’ultima storia proveniente dai social conferma infatti il cuore d’oro che contraddistingue Ronaldo e Georgina Rodriguez, sua compagna e madre di Alana Martina, ultima dei quattro figli del cinque volte pallone d’oro. Ivana, sorella della modella argentina e cognata dell’attaccante portoghese, ha voluto rendere nota la storia del piccolo Tomas. Nel 2019, a Tomas, oggi 7 anni, fu diagnosticato un neuroblastoma canceroso molto raro. Dopo un primo periodo di cure, il piccolo ha avuto una ricaduta lo scorso ottobre. Disperati, i genitori hanno lanciato un appello in cerca dei fondi necessari per pagare le cure del figlio. Appello raccolto immediatamente da Cr7 e consorte, come confermato dalla storia della stessa Ivana, che ha ringraziaro la coppia: “Tomas è già in viaggio per Barcellona per  effettuare alcuni test e iniziare il suo trattamento contro il cancro all’ospedale Vall d’Hebron. Grazie Georgina e Cristiano per il vostro aiuto, solidarietà e grande cuore. Grazie infinite per aver aiutato Tomas ad accedere alle cure”: