Inzaghi: “Lotito è deluso Cambio modulo? Possibile”

Simone Inzaghi. Ansa

Simone Inzaghi. Ansa

Cambio di modulo? S, possibile. Ma il vero cambio che Simone Inzaghi si aspetta domani dalla Lazio quello delle motivazioni. “Sono quelle che fanno la vera differenza nel calcio di oggi, non i moduli. Mi auguro che nella partita di domani la mia squadra abbia quelle giuste. Come accaduto nelle ultime due gare di campionato, con la Sampdoria e con l’Atalanta.

Nelle quali, al di l dei risultati negativi, abbiamo comunque fornito prestazioni importanti”. Motivazioni prima del modulo, quindi. Ma anche quello potrebbe variare. Ieri in allenamento Inzaghi ha provato il 4-3-2-1. Sulla possibilit di utilizzarlo domani contro il Cagliati il tecnico per frena: “ una soluzione, oggi per proveremo un altro sistema di gioco (l’allenamento in programma nel pomeriggio, ndr). La squadra deve essere pronta ad adottare pi soluzioni di gioco”. Tradotto, significa che, molto probabilmente, in partenza la Lazio sar ancora schierata con il consueto 3-5-2 per poi virare a partita in corso sul 4-3-2-1.


VIDEO CORRELATI

VITTORIA A OGNI COSTO
La Lazio deve ritrovare una vittoria che manca da un mese e mezzo (ultimo successo l’8 novembre contro il Marsiglia in Europa League) e, pi in generale, deve ritrovare la confidenza col gol. Rispetto a un anno fa ne ha segnati 20 in meno tra campionato e coppa. “ un dato di fatto che segniamo meno dell’anno scorso e che abbiamo meno punti in classifica. Per siamo quinti come un anno fa. Dobbiamo muovere la classifica e tornare a vincere”. Lotito, alla cena di Natale, ha parlato di una Lazio che si imborghesita. “Il presidente deluso, vorrebbe avere una classifica migliore, ma quello che pensiamo anche noi. So che possiamo dare di pi e dobbiamo lavorare in quella direzione”. Tra la voglia di rivalsa della Lazio e la possibilit di metterla in pratica ci sar di mezzo un Cagliari di cui Inzaghi non si fida. “ una buona squadra che ha recentemente messo in grandi difficolt formazioni come il Napoli e la Roma. Dovremo stare molto attenti e cercare di interpretare la gara nel migliore dei modi”. La formazione dovrebbe essere la stessa di luned scorso a Bergamo, col 3-5-2. Gli unici dubbi riguardano il ruolo di regista con Leiva che torna a disposizione e insidia Badelj. Ma dovrebbe essere quest’ultimo a giocare. Alle spalle di Immobile ballottaggio tra Luis Alberto e Correa, col secondo leggermente favorito.

Dal nostro inviato Stefano Cieri 

© riproduzione riservata