Iturbe, Enyinnaya, Oliveira: quelli che hanno ballato una notte sola (o poco più)

Meteore. Giocatori che per un breve periodo di tempo danno l’impressione di dover spaccare il mondo. Senza di loro sembra impossibile giocare a calcio e spesso sono bersagli di vere e proprie follie di mercato. E poi finiscono miseramente nel dimenticatoio…

di Portale Del Caclio

‘);
var parserUA = new UAParser();
var resultUA = parserUA.getResult();
var device = resultUA.device.type;
}

Meteore. Giocatori che per un breve periodo di tempo danno l’impressione di dover spaccare il mondo. Senza di loro sembra impossibile giocare a calcio e spesso sono bersagli di vere e proprie follie di mercato. E poi finiscono miseramente nel dimenticatoio… Esemplare, in questo senso, l’avventura di Iturbe, uno dei più grandi abbagli del calcio italiano. Una stagione straordinaria a Verona, la Roma lo acquista scippandolo alla Juventus nell’estate del 2013. Sembra il colpo dell’anno, destinato a sconvolgere i rapporti di forza. Il sudamericano segnerà due reti in una stagione e poi vivrà un periodo di involuzione che lo porterà ai margini della A messicana. E come tante meteore, è scomparso dalla Serie A in un attimo…