L'ex vicepresidente del Real: “Cedere Hakimi era necessario. E su CR7…”

Ramon Calderon, Getty Images

In occasione di Inter-Real Madrid di questa sera, partita determinante per il futuro in Champions League di entrambi i club, i microfoni della redazione di PassioneInter hanno raggiunto Ramón Calderón, ex presidente dei Blancos dal luglio 2006 al gennaio 2009. Ecco le sue dichiarazioni, spaziando dalla gara di stasera ad alcuni aneddoti del passato.

Questa sera si giocherà Inter-Real Madrid: che partita si aspetta?
“Senza dubbio sarà una partita difficile, una vera e propria finale per le due squadre anche se nessuna delle due arriva nel suo miglior momento. Il Real deve affrontare l’assenza di Sergio Ramos e Benzema, due pilastri della squadra. L’Inter recupera Lukaku, che sarà per loro molto importante. Lui e Lautaro possono fare molti danni contro una difesa senza Sergio Ramos. Vedo anche Hakimi e Young come possibili giocatori decisivi per i nerazzurri”.

E per il Real?
“Il Real ha ottimi giocatori, anche se è vero che non ha gli attaccanti che giocavano di solito a disposizione. Però Mariano nelle ultime partite ha giocato bene, nell’ultima ha fatto un bel gol. Torna Casemiro, giocatore importante in mezzo, e poi c’è Hazard. Vedremo una partita sicuramente emozionante”.

I Blancos di Zidane sono ancora uno dei club più forti al mondo?
“Sicuramente sì, il Real Madrid è ancora tra i club più forti del mondo. Anche se quest’anno non ci sono stati grandi acquisti, ha ancora giocatori di alto livello e sicuramente la squadra lotterà per vincere tutti i titoli di questa stagione”.

Romelu Lukaku e Lautaro Martinez, Getty Images

Ci sono giocatori dell’Inter che, se fosse ancora lei presidente, cercherebbe di portare al Real Madrid? Magari Lautaro Martinez o Lukaku…
“Credo che Lautaro Martinez e Lukaku siano due giocatori straordinari. Noi ora però abbiamo giocatori di ottimo livello. Senza dubbio loro due sono un punto di riferimento per l’Inter e perfetti per qualsiasi club importante nel mondo”.

Capitolo Hakimi: il Real ha fatto bene a venderlo?
Hakimi è stato venduto per una buona cifra, Credo che la sua cessione fosse importante per l’economia del club, oltre al fatto che probabilmente l’allenatore non lo riteneva fondamentale e necessario. Penso che l’Inter abbia fatto un ottimo affare”.

Lei ha portato Wesley Sneijder al Real. Che ricordi ha di lui?
“Mi sono proprio occupato della trattativa per Sneijder. Quando arrivò ebbe un comportamento impeccabile, ci aiutò a vincere la Liga, fu un ottimo compagno di squadra per gli altri giocatori. Ricordo che si adattò perfettamente alla vita qui e tutti i ricordi che ho di lui sono ottimi”.

Cristiano Ronaldo manca ancora al Real?
Ronaldo continua ad essere un punto di riferimento per tutti gli attaccanti. I suoi gol sono sempre importanti, quello che ha fatto ieri è stato spettacolare. Fu un peccato venderlo, uno degli errori più grandi che ha fatto il Real con questo presidente. Personalmente mi costò molto portarlo e trattenerlo a Madrid per 9 anni, nei quali vinse tutto. Abbiamo preso il miglior giocatore della storia del Real assieme a Di Stefano. Vive solo per il calcio, allenandosi sempre. È imbattibile da questo punto di vista. Uno sportivo che ogni giorno si alza con l’obiettivo di essere migliore del giorno prima. Imbattibile”.

>>>Sostienici su Patreon per avere accesso ai contenuti esclusivi<<<