L’ex viola Fontana: “Iachini è più di un motivatore. Chiesa? Ovunque, ma centravanti no”

Il parere dell’ex viola Gimmy Fontana

‘);
var parserUA = new UAParser();
var resultUA = parserUA.getResult();
var device = resultUA.device.type;
}

Intervenuto a TMW Radio, l’ex viola Gaetano Fontana ha parlato così di Giuseppe Iachini e Federico Chiesa:

Beppe ha avuto un impatto più che positivo, ha cercato da subito di cambiare l’atteggiamento della squadra. Al di là dei discorsi tattici, c’era da cambiare quello perché con Montella la squadra aveva perso fiducia, si era disunita. La voglia di mettersi in discussione in una piazza importante, che ha conosciuto da atleta, e il suo carattere, fermo restando che per me è anche un ottimo tecnico, hanno dato forma alla squadra. Lui conosce il campo, ha dei concetti validi, ma quando si parla di lui spesso ci si limita al lato caratteriale, invece è un allenatore completo e conosce profondamente la materia, incidendo anche sul lato tecnico-tattico. Ha fatto capire che in quel momento dovevano cambiare pensiero all’approccio e alla gestione della gara, e lì è stato bravo. Ho visto qualche partita e devo dire che non mi è dispiaciuto per niente.

Chiesa? Iachini ha dovuto rivedere un po’ l’assetto anche per via degli equilibri. Chiesa è uno di quei giocatori eclettici, che sanno stare in ogni zona d’attacco. Ha capacità fisiche e tecniche, tranne il centravanti, dove ha l’handicap di giocare spalle alla porta senza avere gli spazi per le sue corse da dietro, lo vedrei ovunque. Ha uno strappo incredibile. Molto dipenderà da dove andrà, se troverà Conte all’Inter farebbe la seconda punta, ovviamente, mentre con Sarri alla Juve la sua posizione sarebbe un’altra. Potrà assorbire molto da chi lo allenerà in futuro e questo lo farà crescere ulteriormente.

Di Gennaro: “Progetto viola interessante. Paquetà? Non lo prenderei”