Mirabelli: “A Cutrone serve equilibrio. E 6 undicesimi del Milan di oggi li ho costruiti io!”

(Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

Il dirigente sportivo Massimiliano Mirabelli si è collegato con Lady Radio in mattinata:

“Non possiamo aspettarci un mercato roboante. Non sarà povero, ma dovrà essere costellato di idee e caratterizzato dalla creatività. Non rinnovando con un giocatore si creano problemi di patrimonialità al club, per cui anche questo aspetto sarà importante. Più il calciatore si avvicina alla scadenza, più è alto il rischio economico. Modelli Atalanta e Sassuolo? Per le squadre di media classifica è fondamentale il lavoro di scouting in Europa e in Sudamerica, che porti tanti giovani talenti in squadra. Si creano cicli in cui non c’è bisogno di vincere ma capaci di alimentare una crescita costante.

Io non sono d’accordo con la linea tenuta da alcuni club che fanno mercato solo attraverso gli agenti, la conoscenza deve essere prioritaria per programmare e costruire la squadra. Già di per sé, il mercato di gennaio è particolare, figuriamoci adesso. Se qualcuno pensa di stravolgere la rosa a gennaio, deve rivedere i piani. Si può aggiustare qualcosa, tutt’al più. E si torna al discorso della conoscenza, se si hanno le idee chiare arrivano più possibilità.

Il Milan? Sei undicesimi del gruppo che ho costruito io sono ancora titolari, la cosa mi soddisfa molto. Conosco Cutrone, è un bravissimo ragazzo ma deve avere equilibrio caratteriale, altrimenti il suo veleno, la voglia che ha in corpo, diventa nocivo per lui stesso anziché per gli avversari. Io spero possa trovare spazio”.

Fiorentina, può tornare di moda El Shaarawy. Il giocatore proposto a Pradè