Oggi nel 1973 la prima “Fatal Verona” del Milan: lo scudetto perso da Rivera e compagni

AMARCORD MILAN – Oggi, 20 maggio, ricorre l’anniversario della prima ‘Fatal Verona’ per il Milan, quella del 1973. Ultima giornata di uno dei campionati più equilibrati di sempre, i rossoneri allenati da Nereo Rocco sfidano il Verona al Bentegodi da primi in classifica con 44 punti, uno in più delle rivali Lazio e Juventus.

Quel Milan era reduce dalla vittoria nella finale di ‘Coppa delle Coppe‘ contro il Leeds. Peraltro, visto il viaggio stancante fino a Salonicco (ricordiamo che all’epoca i trasporti non erano certo quelli di oggi), aveva chiesto senza successo uno spostamento della partita al giorno dopo.

Come se non bastasse, Mister Rocco è squalificato e non potrà andare in panchina nella gara più delicata dell’anno. Sarà il giovane Giovanni Trapattoni a sostituire il ”Paron”. Altro problema riguarda le condizioni fisiche di Karl-Heinz Schnellinger: il difensore tedesco non riuscirà a recuperare in tempo e a prendere parte alla partita di Verona. Al Milan basta un punto (le vittorie all’epoca valevano 2 punti), l’impresa non appare proibitiva, tanto più il Verona non ha particolari stimoli di classifica.

Purtroppo i rossoneri pagarono a caro prezzo la stanchezza e le varie sfortune sopraelencate. Dopo appena 25 minuti i padroni di casa del Verona erano avanti per 3-0. La partita finirà 5-3, era il 20 maggio 1973. Il Milan perse lo Scudetto all’ultima giornata, ne approfittò la Juventus che vinse il titolo.

VERONA: Pizzaballa; Nanni, Sirena, Busatta, Batistoni, Mascalaito, Bergamaschi, Mazzanti, Luppi, Mascetti, Zigoni. Allenatore: Giancarlo Cadè.

MILAN: Vecchi; Sabadini, Zignoli, Anquiletti, Turone, Rosato, Sogliano, Benetti, Bigon, Rivera, Chiarugi. Allenatore: Giovanni Trapattoni (Nereo Rocco era squalificato).

MARCATORI: Sirena 17′, Sabadini (autogol) 26′, Luppi 29′, Rosato 34′, Luppi 70′, Turone (autogol) 72′, Sabadini 82′, Bigon 86′.

ARBITRO: Monti di Ancona.

Intanto a proposito di amarcord, ecco alcuni ricordi rossoneri ben più felici >>>

SEGUICI SUI SOCIAL : CLICCA QUI ⇓