Pruzzo: “Fiorentina, senza gioco e individualità serve buttarla in caciara…”

L’ex viola: “Serve quella cattiveria intelligente per far capire all’avversario di turno che non ce n’è. A Genova mi è capitato di attuarlo, bisogna sporcarsi tanto”

ROME, ITALY – OCTOBER 31: Roberto Pruzzo attends the ’11 Metri’ premiere during the 6th Rome Film Festival at Auditorium Parco Della Musica on October 31, 2011 in Rome, Italy. (Photo by Vittorio Zunino Celotto/Getty Images)

Roberto Pruzzo, ex attaccante di Genoa, Roma e Fiorentina, è intervenuto a Lady Radio. Questi i passaggio più interessanti delle sue dichiarazioni: “La Fiorentina deve cambiare atteggiamento, a Bergamo sembrava quasi fosse l’Atalanta la squadra che doveva uscire da un momento di difficoltà. Vincevano tutti i contrasti, qualche domanda viene da farsela… Credo che tutti siano coinvolti, anche i calciatori, ma il malumore è derivato dalle prestazioni nettamente al di sotto delle aspettative.

Quando non hai gioco e non hai individualità, devi attuare il Piano C, ovvero la devi buttare in caciara. Serve quella cattiveria intelligente per far capire all’avversario di turno che non ce n’è. A Genova mi è capitato di attuarlo, bisogna sporcarsi tanto. Sulle partite sporche non puoi costruire una stagione ma fanno parte del calcio e in certe situazioni sono la soluzione migliore”.

Pezzella-Prandelli
Photo by Emilio Andreoli/Getty Images