Ruud Krol: “Lozano merita una seconda possibilità. Gattuso sta facendo un buon lavoro”

NAPLES, ITALY – OCTOBER 15: Legends of Napoli Ruud Krol (L) and Gianfranco Zola (R) pose with Marek Hamsik prior the Serie A match between SSC Napoli and AS Roma at Stadio San Paolo on October 15, 2016 in Naples, Italy. (Photo by Maurizio Lagana/Getty Images)

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Marte Sport Live” è intervenuto Ruud Krol, ex difensore del Napoli. Focus del suo intervento la situazione attuale degli azzurri e il calciomercato, con un’attenzione particolare al momento della nazionale olandese, che ieri è rimasta sconfitta nel confronto con l’Italia di Mancini.

LEGGI QUI IL REPORT ODIERNO DELL’ALLENAMENTO DEGLI AZZURRI

Le parole di Krol

Zola
NAPLES, ITALY – OCTOBER 15: Legends of Napoli Ruud Krol (L) and Gianfranco Zola (R) pose with Marek Hamsik prior the Serie A match between SSC Napoli and AS Roma at Stadio San Paolo on October 15, 2016 in Naples, Italy. (Photo by Maurizio Lagana/Getty Images)

“A Napoli ho vissuto forse i migliori 4 anni della mia vita calcistica. Il mio primo e unico gol con il Brescia, che ricordi: fu una partita particolare, non avevamo niente da perdere. Napoli mi è rimasta nel cuore.

Lozano? Merita una seconda chance, per un attaccante è difficile integrarsi subito nel calcio italiano. Non fece la preparazione con il Napoli e si fece male. In questo momento il tempo non è stato a suo favore.

Senesi? Non lo conosco molto bene, l’ho visto solo in una gara. Gioca nel Feyenoord che ora è la terza squadra d’Olanda. Non so dire se può giocare a Napoli, il calcio olandese non è come quello italiano.

A cosa può ambire il Napoli? Con Sarri si è fatto bene, con Ancelotti meno, Gattuso sta facendo un buon lavoro. Bisogna capire come ci si muoverà sul mercato. Il Napoli sembra una bella squadra. Insigne? Forse era un po’ stanco, ho visto un grande movimento della Nazionale italiana in generale, l’Olanda ha cambiato sistema di gioco e a me non piace. Mohamed Ihattaren? Mi piace, ora deve però trovare il ritmo del gioco. Olanda Under 21? La squadra è molto diversa dalla Nazionale maggiore, molto dipende dalla mentalità dei giocatori”.

 

SEGUICI ANCHE SU TWITTER CLICCANDO QUI