Sartori e la super Atalanta: “È Gasp che ha trasformato i giocatori da buoni ad ottimi”

“Il nostro obiettivo? Giocare partita dopo partita e vivere alla giornata”

di Redazione ITASportPress

Sartori Atalanta (getty images)

‘);
var parserUA = new UAParser();
var resultUA = parserUA.getResult();
var device = resultUA.device.type;
}

Giovanni Sartori, direttore sportivo e responsabile dell’area tecnica dell’Atalanta, ha parlato ai microfoni di Radio 1, nel corso della trasmissione Radio Anch’Io Sport, del momento magico della Dea che insegue le primissime posizioni e continua nel suo sogno incantando il mondo del pallone italiano e non solo…

Sartori: “Il segreto dell’Atalanta è il lavoro di tutti”

Atalanta
Muriel Gasperini (getty images)

“Abbiamo il dovere di fare il nostro, partita dopo partita. Lavoriamo giorno per giorno”, ha esordito Sartori. “Il nostro segreto? Non c’è alcun segreto, c’è grandissimo lavoro. Lavoro della società, dello staff e dell’allenatore e i giocatori. Grazie al lavoro di Gasperini e del suo staff i giocatori buoni sono diventati grandi calciatori. Quale giocatore mi ha stupito di più? Gosens? Non c’è solo lui. Ci sono tantissimi calciatori che sono diventati importanti a livello internazionale. Siamo arrivati anche a 21 convocati dalle nazionali. Non faccio alcun nome perché in tanti meritano di essere nominati”. E ancora in tema mercato: “L’area geografica del Paesi Bassi sta offrendo molto dal punto di vista dei giocatori. Tutti quelli che abbiamo preso hanno fatto molto bene”. Un focus poi su Caldare: “Caldara al Milan non giocava? Probabilmente perché ha avuto un infortunio. E quando ha recuperato il Milan non ha avuto tempo di aspettarlo. Noi non avevamo necessità in quel momento, quindi potevamo aspettarlo. Mattia è un giocatore pienamente recuperato”.

QUI LE NEWS DI GOSSIP