Scamacca, i milanisti e tutti i “ragazzi del '99”: sono loro il futuro del calcio europeo

Per tutto il secolo scorso, i “ragazzi del ’99” erano quelli che, dopo la sconfitta di Caporetto, sono stati chiamati alle armi durante la prima guerra mondiale. Ma adesso nel calcio ci sono i nuovi ragazzi, quelli di una nidiata piena di calciatori assai promettenti. Come il nuovo obiettivo della Juventus, Scamacca…

di Portale Del Caclio

‘);
var parserUA = new UAParser();
var resultUA = parserUA.getResult();
var device = resultUA.device.type;
}

Per tutto il secolo scorso, i “ragazzi del ’99” erano quelli che, dopo la sconfitta di Caporetto, sono stati chiamati alle armi giovanissimi durante la prima guerra mondiale. Ma adesso nel calcio ci sono i nuovi ragazzi, quelli di una nidiata piena di calciatori assai promettenti. Come il nuovo obiettivo della Juventus, che si chiama Gianluca Scamacca. L’attattacante classe ’99 può arrivare in bianconero in prestito e andare a raggiungere agli ordini di Pirlo gli altri due calciatori nati nel 1999. Il primo è molto conosciuto: Matthijs De Ligt può certamente rappresentare la soluzione ai problemi difensivi bianconeri. Un suo coetaneo protagonista a sorpresa è Gianluca Frabotta, scelto dal Maestro per giocare in prima squadra e che, tra le difficoltà di adattarsi a un livello a lui finora sconosciuto, non sta deludendo. E un po’ ovunque i ragazzi del ’99 si fanno valere.