Toloi: “Sogno il Brasile, ma giocare per l'Italia sarebbe incredibile”

Rafael Toloi si racconta e lo fa in una lunga ed interessante intervista rilasciata al portale brasiliano Lance. Il difensore dell’Atalanta ha affrontato diversi temi legati al suo presente ma anche al futuro con la voglia di essere chiamato in Nazionale. Anche quella italiana…

Toloi: “Nazionale un sogno per tutti. Sulla Dea…”

Toloi
Toloi (getty images)

“Sono felice di essere alla mia sesta stagione in Italia, un Paese in cui ho sempre sognato di giocare. Sono molto felice qui e ho ancora un lungo contratto. Devo continuare a lavorare, questo è il mio obiettivo in questo momento”, ha esordito Toloi che poi si è soffermato sulla Nazionale: “Tutti gli atleti sognano di giocare per la Nazionale, quindi per me non è diverso. Farò del mio meglio col club per avere questa possibilità. Brasile? Ha grandi difensori, ma sto ancora sognando e credendo in una chiamata. Azzurro? Ho la nazionalità italiana e c’è questa possibilità di essere convocato dall’Italia. Penso che sarebbe incredibile”.

Dalla Nazionale al club con la Dea protagonista: “Il gioco di Gasperini? Aggressivo, il più delle volte premendo l’avversario in campo. Questo permette di rubare palla ed essere già nella metà campo offensiva con più giocatori vicini alla porta. Penso che quando lo facciamo bene fa la differenza nelle partite”. “Champions? Parliamo di un torneo difficile dove ci sono tante squadre forti che giocano per vincere sempre. Il primo anno è stata un’esperienza molto importante e questa stagione siamo più maturi. L’importante è essere preparati a fare grandi partite. Non siamo i favoriti, ma vogliamo fare una bella competizione come la scorsa stagione”.

E sul futuro: “Ho ancora un lungo contratto con l’Atalanta. Devo continuare a lavorare e offrire un buon calcio, questo è il mio obiettivo in questo momento. Certo sarebbe un sogno poter indossare di nuovo la maglia del Goiás, un club che mi ha svelato al calcio e mi ha dato tutte le possibilità per diventare un atleta professionista. Il San Paolo è anche una grande squadra dove tutti sognano di giocare, ma al momento il pensiero è di continuare qui in Europa”.