Trapianti di capelli, sbornie e conferenze stampa memorabili: una vita da Klopp, talento e cervello

Calcio, filosofia, ironia e voglia di vincere: Klopp è uno degli allenatori più apprezzati degli ultimi anni, ma anche un fenomeno da studiare e capire. Folle e affamato. Il tedesco riesce a trasformare in uno show qualsiasi cosa…

di Portale Del Caclio

‘);
var parserUA = new UAParser();
var resultUA = parserUA.getResult();
var device = resultUA.device.type;
}

Anche se Klopp fosse il responsabile di un supermercato, abbraccerebbe tutti lo stesso: staff, clienti, chiunque“. Parola di Andy Robertson, terzino del Liverpool, che conosce bene il suo tecnico. Un tipo capace di trasformare qualsiasi cosa in uno spettacolo, persino…i problemi di stomaco. “Il primo giorno di allenamenti ho vomitato e da quel momento mi ha chiamato Sick Boy”, chiosa lo scozzese. L’ennesima storia che descrive perfettamente il tedesco: un personaggio, amatissimo, quasi idolatrato. Del resto, in un mondo come quello del calcio in cui ci si prende un po’ troppo sul serio, l’allenatore campione d’Europa in carica rappresenta un caso più unico che raro. Come dimostrano tanti piccoli aneddoti della sua straordinaria carriera.