Yonghong Li lancia accuse ma Commisso se la ride

Commisso ha parlato con i suoi conoscenti delle accuse di Mister Li

‘);
var parserUA = new UAParser();
var resultUA = parserUA.getResult();
var device = resultUA.device.type;
}

Rocco Commisso ha preferito evitare di rispondere pubblicamente alle accuse di Yonghong Li (LEGGILE QUI). Tuttavia il presidente della Fiorentina ha letto le sue parole e, con persone a lui vicine, ha affrontato il tema e poi ci ha riso su. Già, i fatti sono andati in maniera piuttosto singolare. E’ noto che Commisso ha cercato di rilevare il Milan prima di acquistare la Fiorentina. Nelle sue dichiarazioni, l’imprenditore cinese ha specificato di avere offerte più interessanti da altri. Cosa che, dimostrano i fatti, non sta nella realtà. In un anno e mezzo Mister Li ha perso ben 500 milioni. E poi, due settimane dopo aver respinto la proposta di Commisso, Li a poco a poco ha perso il Milan che dalle sue mani è passato in quelle di Elliot. Il presidente viola, sempre parlando con persone a lui vicine, ha voluto tutelare anche le capacità dei suoi uomini di fiducia, altro argomento messo in dubbio da Li. Coloro che lo affiancano in questa avventura viola hanno collaborato con le principali banche d’affari mondiali come Goldman Sachs e con uno studio legale tra i più eccellenti e riconosciuti a livello nazionale e internazionale, ovvero lo Studio Chiomenti (che ha curato il passaggio della Fiorentina dai Della Valle a Commisso).

Difesa viola, occhi in casa Torino: piace il colosso Nkoulou